Formazione - Aquila Investigazioni

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          
Vai ai contenuti
Formazione
> ASC
L’addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi (ex “buttafuori”) è una figura professionale che prevede la partecipazione ad uno specifico corso di formazione per poter svolgere le funzioni di controllo.
Questo corso è obbligatorio per poter lavorare regolarmente nel mondo della sicurezza dall’entrata in vigore del Decreto Ministeriale del 06 Ottobre 2009.

> Steward
Aquila Investigazioni organizza corsi per Steward per manifestazioni calcistiche ai sensi del D.M. 8 agosto 2007 Gazzetta Ufficiale n.195 del 23 agosto 2007.
I candidati che rispondono ai requisiti di legge, prima di essere ammessi al corso, saranno sottoposti ad una prova preliminare e a test attitudinali.


> Antincendio
Il Corso Antincendio Rischio Elevato, che dura 16 ore, delle quali 12 teoriche e 4 pratiche, prepara l’aspirante a sostenere l’esame dei Vigili del Fuoco e conseguire il brevetto antincendio a rischio elevato, necessario, se non obbligatorio, in una moltitudine di lavori.
Un biglietto da visita importante in qualsiasi colloquio di lavoro, essendo il responsabile antincendio una figura prevista per legge in ogni azienda, evento o manifestazione.
> BLSD
Il corso BLSD ha l’obiettivo principale di far acquisire gli strumenti conoscitivi e metodologici e le capacità necessarie per prevenire il danno anossico cerebrale e riconoscere in un paziente adulto lo stato d’incoscienza, di arresto respiratorio e di assenza di polso in una condizione di assoluta sicurezza per se stesso, per la persona soccorsa e per gli astanti. Per evitare queste gravissime conseguenze occorre ottimizzare i tempi di intervento, uniformare ed ordinare le valutazioni da effettuare e le azioni da compiere nell’ambito della cosiddetta catena della sopravvivenza.
Finalità del Corso:
1. Acquisire e schematizzare le conoscenze relative al trattamento dell’arresto cardiocircolatorio con defibrillatore semiautomatico esterno secondo le linee guida Italian Resuscitation Council;
2. Saper riconoscere l’arresto cardiocircolatorio;
3. Saper gestire un’equipe di soccorso in caso di arresto cardiocircolatorio;
4. Saper mettere in atto le manovre ed i protocolli per il trattamento con defibrillatore semiautomatico dell’arresto cardiocircolatorio (fibrillazione ventricolare/tachicardia ventricolare senza polso);
5. Acquisire capacità di autocontrollo in risposta a situazioni critiche;
6. Acquisire capacità di gestione dell’equipe di soccorso in emergenza per l’utilizzo precoce del defibrillatore semiautomatico.
> CIIE
Il DM sulla capacità tecnica, di chi opera nel complesso comparto della Sicurezza e nello specifico per  le Investigazioni, opera una distinzione tra il titolare di istituto di investigazione e/o informazioni commerciali, l’investigatore dipendente dotato di minilicenza (figura introdotta all’art. 257 bis del D.P.R. 153/2008) e il collaboratore con incarichi investigativi elementari (C.I.I.E.), che sostituisce l’ormai obsoleta  figura del (collaboratore occasionale  saltuario esterno).
Con riferimento al C.I.I.E., il Decreto Ministeriale  esige che debba essere segnalato alla Prefettura competente e che debba operare sotto le direttive e la responsabilità del titolare di licenza, prevedendo però per il rapporto di lavoro anche il ricorso a formule contrattuali elastiche (job on demand) e di natura parasubordinata (co-co-pro). Mancando però delle specifiche norme di riferimento per  la figura del C.I.I.E., necessariamente bisogna conoscere i limiti e le competenze di questa “nuova” figura.
Si approfondirà il tema del Codice della Privacy (D.Lgs. Europeo n.2016/679), analizzando le distinzioni tra titolare/responsabile e incaricato del trattamento dei dati acquisiti  e la distinzione  tra dati semplici, sensibili . Il corso fornirà ai  collaboratori elementari  di Istituto Investigativo gli strumenti normativi per valutare liceità ed illiceità nella raccolta, del trattamento e della conservazione dei dati.
Dove siamo
Via pasubio 10
San Benedetto del tronto (AP)
+39 3288440100
investigazioniaquila@gmail.com
info@investigazioniaquila.it
biagio@investigazioniaquila.it

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          
Torna ai contenuti